Accesso ai servizi

Forte della Consolata

La terra di Demonte apparteneva al ducato di Savoia ed era sotto il marchesato di Saluzzo quando, nel 1580 se ne impadronì Emanuele Filiberto. Nel 1590 Carlo Emanuele decise di fortificare Demonte quale baluardo alle truppe Ugonotte che presiedevano la valle dell'Ubaye.

La costruzione del Forte fu affidata al celebre ingegnere militare, al servizio dei Savoia, Gabrio Busca e realizzata sul monte Podio, a fronte dell'insediamento antico di Demonte. La fortezza venne a configurarsi come complesso fortificato a più livelli.

Questo forte divenne punto fondamentale di resistenza strategica dell'alta Valle Stura; nel 1744 esso venne parzialmente distrutto dalle truppe franco-ispane in marcia verso Cuneo. Nel 1796, con l'armistizio di Cherasco, venne decretata la distruzione del Forte, la cui ultimazione avverrà nel 1798.

Attualmente l'area interessata dall'antico Forte, di proprietà della Regione Piemonte, é costellata da interessanti ruderi testimoni dell'imponente costruzione, ed attraverso passaggi pedonali si possono effettuare visite guidate in loco (rivolgendosi all'ufficio per il turismo di Demonte).